inizio pagina

Sviluppare le slot attraverso la regolamentazione


CEO di Play'n GO Johan Tornqvist con una citazione

Con la continua apertura di nuove giurisdizioni, siamo tutti d'accordo che le opportunità di crescita e di espansione sono promettenti, persino abbondanti. Ma, allo stesso modo, anche nel Regno Unito e in Europa, il panorama normativo si sta evolvendo a rotta di collo, ponendo un importante enigma: mentre sviluppiamo giochi emozionanti e di alta qualità per più mercati, come possiamo affrontare la sfida di rimanere conformi?


Ora, nel Regno Unito, con la recente pubblicazione del Libro Bianco sul gioco d'azzardo, la scena è stata preparata per un futuro di regolamenti e interventi governativi ancora più severi.


Against this exciting, but potentially fraught, background, iGamingFuture caught up with Johan Törnqvist, Group CEO and Co-Founder of top slots playmaker Play’n GO, to hear his thoughts on the best ways to manage these ongoing compliance objectives – seamlessly, whilst still being able to deliver the most entertaining content to maximise the player experience.


Il Libro Bianco sul gioco d'azzardo nel Regno Unito, pubblicato di recente, ha ricevuto recensioni contrastanti dagli addetti ai lavori per quanto riguarda il suo potenziale impatto sulla crescita del mercato. Cosa ne pensate del Libro Bianco? E come pensate che influenzerà il settore dell'iGaming in futuro?


"Le cose sono ben lungi dall'essere definite o certe per quanto riguarda il mercato britannico, poiché ci sono ancora troppe questioni critiche che sono state sottoposte a consultazione, come i limiti di puntata. Ciò che è chiaro, tuttavia, è la direzione di marcia. Il Regno Unito, e il settore in generale, si stanno muovendo verso un'era di maggiore regolamentazione e non si potrà tornare indietro.


"Indubbiamente questo cambiamento comporterà enormi sfide per molti dei nostri colleghi, i cui modelli di business non sono pienamente preparati per il successo nell'era della piena regolamentazione.

"Ma credo che il passaggio a una maggiore regolamentazione rappresenti un'enorme opportunità per il settore di rifondarsi come membro devoto dell'industria dell'intrattenimento".

"Se come industria perdiamo di vista il fatto che i giochi devono essere divertenti e di intrattenimento, e non predatori, allora semplicemente non avremo un'industria in futuro.


"Le raccomandazioni contenute nel Libro Bianco del Regno Unito non dovrebbero sorprendere nessuno e, per coloro che operano nel settore dell'iGaming e che guardano a nuovi mercati non ancora aperti o non ancora completamente regolamentati (come alcuni grandi Stati degli USA), sarebbe opportuno ricordare quanto sia influente l'UKGC nel mondo.


"Le raccomandazioni del Libro Bianco del Regno Unito saranno replicate altrove e coloro che sono pronti a cogliere le opportunità offerte dal mercato regolamentato saranno i vincitori del prossimo decennio nel nostro settore".

Molte delle giurisdizioni di recente apertura in tutto il mondo sono state oggetto di critiche da parte degli operatori del settore per l'imposizione di quadri normativi poco pratici. Come possiamo, come industria, lavorare meglio insieme per migliorare questo aspetto e garantire la crescita futura del nostro settore?


"L'aumento di contact con le autorità di regolamentazione è un aspetto che mi interessa particolarmente, perché credo che noi di Play’n GO abbiamo molto da offrire quando le giurisdizioni esaminano le loro normative.


"Sono certo che un approccio unico sarebbe lo scenario ideale per le aziende multinazionali del nostro settore. Ma, naturalmente, le normative varieranno sempre da una giurisdizione all'altra.


"Quelli di noi che nel settore vogliono una maggiore regolamentazione per poter creare uno spazio sicuro per i giocatori e che incoraggi un approccio orientato all'intrattenimento devono sicuramente farsi sentire di più. Voglio che Play’n GO assuma un ruolo di guida in quest'area e voglio che usiamo la nostra considerevole capacità ed esperienza per aiutare i regolatori a definire il loro pensiero".


"Le voci più forti non sempre hanno parlato tenendo conto della salute e degli interessi a lungo termine del settore".


Quanto è difficile creare giochi il più possibile divertenti ed emozionanti, assicurando al contempo che le caratteristiche o le meccaniche di gioco non siano considerate predatorie?


"Nello sviluppo di videogiochi ci sono poche garanzie.


"Ma una cosa certa è che se i giocatori hanno una brutta esperienza di gioco, non torneranno a giocarci".

"Questo dovrebbe preoccupare i fornitori di giochi, ma anche gli operatori. Troppo spesso vediamo giochi presentati e proposti ai giocatori che semplicemente non sono premium. Questo potrebbe funzionare finanziariamente nel breve periodo, ma a quale costo per la fidelizzazione dei giocatori nel lungo periodo?


"Negli ultimi 20 anniPlay’n GO ha adottato un approccio chiaro allo sviluppo dei suoi giochi, che si basa innanzitutto sull'intrattenimento. Grafica straordinaria, il miglior audio del settore, storie e personaggi avvincenti: queste sono le chiavi per garantire il divertimento dei giocatori.


"Penso che i giochi di Play’n GO siano fantastici, ma penso anche che possano essere ancora migliori in futuro. Stiamo lavorando duramente per far sì che questa visione diventi realtà".


Con il numero di nuove giurisdizioni che si stanno aprendo, favorite dai progressi tecnologici emergenti, come l'AI o il Machine Learning, le opportunità di crescita nel settore dell'iGaming sembrano illimitate. In considerazione di ciò, quali ritiene che saranno i più forti fattori di crescita per Play’n GO?


"Play’n GO non riposa sugli allori. Proprio di recente, abbiamo aperto la strada a una novità assoluta nel settore, introducendo il nostro gioco di punta, Book of Dead, nei punti vendita di William Hill. È la nostra prima incursione nella vendita al dettaglio nel Regno Unito e si è già rivelata un successo fenomenale.


"Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo sviluppato una tecnologia che ci permetterà di distribuire il nostro intero catalogo di giochi all'interno dello spazio di vendita al dettaglio su qualsiasi macchina, senza la necessità di una connessione a Internet.


"Siamo entusiasti delle opportunità che questa innovazione ci offrirà. E questa è la prova non solo del nostro continuo impegno verso il mercato britannico, ma anche della nostra capacità di adattarci e di cogliere nuove opportunità".


You can find the original interview at iGaming Future here.

Commentaires


NOTIZIE CORRELATE

icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

10 agosto 2021

I panorami e i suoni dei diamanti
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

27 Apr 2021

HammerFall: Creare un'eredità
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

25 settembre 2023

Play'n GO’s Johan Törnqvist: ‘The scale of...
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

18 settembre 2023

Play'n GO's Magnus Olsson: ‘Our approach t...
a fondo pagina