inizio pagina

Play’n GOEbba Arnred: "Siamo pronti per il G2E? Noi ci siamo".

Ahead of G2E, Play’n GO’s CMO and co-founder Ebba Arnred opens up about what it takes to succeed during tough macroeconomic times, the future of the operator-supplier relationship, and how the company is building towards long-term sustainability.

Ebba Arnred, CMO e cofondatrice di Play’n GO.
Ebba Arnred, CMO e cofondatrice di Play’n GO.

As G2E Las Vegas approaches, Play’n GO’s CMO and co-founder Ebba Arnred, shares insights on the event’s significance, the company’s agenda for 2024, and she also responds to the dynamic changes in the gaming industry.


Mentre entriamo nella critica fase finale dell'anno solare, molti dirigenti del settore staranno già pianificando e preparando il budget per il 2024. Come valuta lei, in qualità di CMO di uno dei maggiori fornitori di slot al mondo, il 2023?


Come settore, siamo chiaramente in una situazione molto diversa da quella in cui ci trovavamo solo un paio di anni fa. La pandemia ha avuto un impatto su tutti noi in molti modi e si fa ancora sentire. Il panorama normativo si sta evolvendo, a volte a una velocità e in una direzione che non è in linea con le speranze degli stakeholder. La situazione macroeconomica più ampia è ancora caratterizzata dall'incertezza.


Detto questo, siamo molto soddisfatti della nostra posizione, sia di Play’n GO che del settore nel suo complesso. Oggi siamo un'industria molto più matura e regolamentata, e questo ovviamente comporta sfide e responsabilità molto diverse, oltre alle opportunità.


We’ve needed to be more innovative and agile to deliver the same gaming excellence our partners and players have come to expect. It’s made us a stronger company, and I couldn’t be prouder of what we’ve accomplished over these last few years – blockbuster titles, new regulated markets, entering the US.


La gente ci ha sempre ammirato per la nostra creatività, ma di recente abbiamo dimostrato anche la nostra resilienza. Questo ci pone in una posizione estremamente forte in vista del 2024.


Le vostre priorità di marketing cambieranno per il 2024? Potete dirci su cosa vi concentrerete? 


In questo momento sto pensando molto al rapporto operatore-fornitore e a come si evolverà nei prossimi anni. Non ci è mai piaciuto il termine "fornitore", perché non funziona proprio così. Non ci limitiamo a fornire i nostri giochi agli operatori, ma costruiamo una partnership che permette a quei giochi di prosperare.


E per noi marketer di Play’n GO , in particolare, sappiamo di poter aggiungere molto valore ai nostri partner. In quest'ottica, il 2024 sarà un anno entusiasmante, in cui esploreremo altri modi per offrire ai nostri partner un servizio completo di agenzia di marketing interna.


Personalmente, mi piacerebbe che un maggior numero di partner si impegnasse con noi su questa base: abbiamo le competenze interne per supportare i partner in quasi tutto ciò che possono desiderare.


Gli studi di giochi di casinò si trovano in una posizione un po' particolare, perché, pur essendo considerati principalmente un'azienda B2B, il nostro marchio è ben noto e molto amato dall'utente finale.


I giocatori di casinò vogliono scoprire l'ultimo gioco di Play’n GO e noi stiamo svolgendo un ruolo sempre più attivo nell'intero percorso del cliente. In definitiva, l'utente finale merita un'esperienza mozzafiato ogni volta che gioca a uno dei nostri giochi, e quanto più possiamo collaborare con i nostri partner operatori per garantirlo, tanto meglio.

"La gente ci ha sempre ammirato per la nostra creatività, ma di recente abbiamo dimostrato anche la nostra resilienza. Questo ci pone in una posizione estremamente forte in vista del 2024".

Che cosa l'ha entusiasmata di Play’n GO quest'anno e ci sono iniziative del suo reparto marketing di cui è più orgoglioso? 


Uno dei punti salienti è stato il completo rinnovamento e rilancio della nostra ClientZone. Vogliamo avere il meglio del settore e sappiamo che è una pietra miliare importante quando si tratta di costruire partnership più profonde e collaborative con gli operatori.


A full relaunch went live a few weeks ago and it is the culmination of more than a year’s work and planning across multiple departments. Remember, Play’n GO offers more than 350 games and each is attached to numerous assets, documents, certificates and other information, so this was a significant undertaking.


La nuova ClientZone è la nostra vetrina, con un'attenzione particolare all'usabilità. Tradizionalmente erano solo i gestori dei casinò a interagire con queste zone, ma stiamo aggiungendo funzionalità in modo da poter coinvolgere i team di tutto il business di un operatore, compresi marketing, affiliati, promozioni e CRM.


Abbiamo costruito sulla base del feedback dei nostri partner. Per fare un esempio, gli operatori ci chiedevano la possibilità di ricercare il nostro database di giochi in base a diverse metriche, come ad esempio il tema. Abbiamo etichettato in modo completo il nostro intero portafoglio per renderlo estremamente ricercabile, e ora se un operatore vuole rivedere la nostra intera offerta natalizia all'inizio di dicembre, può farlo con un semplice clic.


E questo è solo l'inizio. Continueremo a sviluppare la nostra ClientZone con l'obiettivo di renderla un luogo in cui gli operatori e gli affiliati devono semplicemente fare il check-in quotidiano.


I’d also like to point the spotlight on our recent activity around the latest instalment of our Hugo series – Hugo Legacy.


Sono certo che la maggior parte dei lettori di questo articolo avrà visto alcuni elementi del nostro lancio di Hugo Legacy. Si spera che abbiano visto anche la nostra iniziativa innovativa di registrare l'audio del gioco con l'orchestra sinfonica ceca.


For many years we’ve been talking about the importance of audio in slots and have poured our energies into making sure our games have the best sound in the industry and the launch of Hugo Legacy hopefully signalled to everyone just how far we go to make sure our games sound awesome.


Naturalmente, il 2023 non è ancora finito. Per molti operatori del settore, l'evento più importante dell'anno è ancora all'orizzonte, il G2E. Cosa possiamo aspettarci da Play’n GO a Las Vegas?


Siamo relativamente nuovi alla G2E. Ovviamente abbiamo persone che partecipano all'evento da molto tempo, ma questo è solo il nostro secondo anno di esposizione. È anche il più grande evento fisico del 2023 per Play’n GO, il che mette in evidenza i progressi compiuti negli Stati Uniti da quando siamo entrati l'anno scorso.


Quest'anno mostreremo esattamente cosa rende grande l'intrattenimento nei casinò e perché i nostri giochi sono così amati nei mercati regolamentati di tutto il mondo. Non vediamo l'ora di invitare i delegati nel nostro "salotto" e posso promettere un programma ricco di sessioni informative, intrattenimento e l'opportunità di vincere alcuni premi. Forse ci sarà anche un drink o due.

"Quando le persone mi chiedono internamente se siamo sulla buona strada o pronti per il G2E, dico loro semplicemente: We Are Game".

Qual è il background della campagna e del tagline "We Are Game"? Come verrà applicata sia all'interno che all'esterno dell'azienda? 


La campagna e la tagline "We are Game" sono un modo per esprimere la nostra identità e la nostra visione di fornitore leader di intrattenimento nei casinò. Si applica a quasi tutto ciò che facciamo e riflette la nostra disponibilità a lottare per rendere questo settore sostenibile a lungo termine, offrendo prodotti di alta qualità e responsabili.


Ci piace questa campagna perché cattura l'essenza di ciò che siamo, accennando al contempo a ciò che potrebbe essere possibile in futuro se riuscissimo a continuare a costruire ottimi rapporti con i nostri partner.


Qual è il futuro di Play’n GO nel 2024 e qual è la visione per i prossimi anni? 


Abbiamo già pronta una ricca tabella di marcia per il 2024. Non posso ancora condividere troppi dettagli, ma ci sono molte sorprese e alcuni giochi che sono sicuro diventeranno dei classici istantanei.

La nostra visione a lungo termine? In sostanza, continueremo a offrire sempre più giochi di altissima qualità. Posso dirvi che il nostro impegno nei confronti dei mercati regolamentati non verrà meno, perché crediamo davvero in un futuro sostenibile per il gioco, e vorremmo che anche l'industria del gioco globale abbracciasse con entusiasmo questa visione.


Inoltre, da anni diciamo che crediamo che il futuro del settore sia nell'intrattenimento, e questo informa l'offerta di Play’n GO . Negli ultimi tempi abbiamo lavorato in sordina su una serie di iniziative legate all'industria musicale e sono certo che l'anno prossimo collaboreremo ancora di più con il settore dell'intrattenimento. Tenete d'occhio questo spazio.


Play’n GO ha avuto una lunga e ricca storia di scommesse coraggiose sulla direzione del nostro settore - siamo stati i primi a puntare sul gioco mobile prima ancora del lancio dell'iPhone - e non abbiamo paura di farlo di nuovo se dovesse essere necessario. Amiamo troppo quello che facciamo per restare fermi.


This is an external interview with Ebba Arnred, Play’n GO’s CMO and co-founder. The original article can be found at Focus Gaming News here

Commenti


NOTIZIE CORRELATE

icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

02 maggio 2019

Play'n GO Parla con Sabaton!
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

27 Apr 2021

HammerFall: Creare un'eredità
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Intervista

18 settembre 2023

Play'n GO's Magnus Olsson: ‘Our approach t...
icequeenmorgana_web_news_prvw.webp

Articolo di gioco

25 Apr 2022

Quando Play’n GO ha incontrato il gruppo heavy-metal Lordi
a fondo pagina